Un'italiana a Parigi
>>


I miei quadri recenti raccontano un evento, sono come piccoli film.
Chi vive un momento, dovunque sia, di quel momento al massimo ricorda due cose: una vicina e una lontana. Il particolare e il generale. Un dettaglio vicinissimo, e l'atmosfera intorno.
Le facce che disegno nei miei quadri sono vere, frammenti rubati agli amici e agli sconosciuti che incontro. Una parte del gioco è disegnarli senza farsi scoprire. Poi dipingo, ricostruisco l'emozione a memoria. E trovo un titolo in metrica (l'endecasillabo è la mia misura).
Dicono che i miei sono lavori astratti, e non è vero. Così un giorno dello scorso ottobre ho deciso di tornare sui luoghi già dipinti e di fotografarli: una documentazione retrospettiva, in un'altra stagione, per ricostruire il mio percorso creativo.

Carla Della Beffa
Milano Italy-Paris France, febbraio 2002






© 2001, Carla Della Beffa Italy - home